wifi

Lo stato dell’arte nel Wi-Fi: dalle prestazioni alla sicurezza

La connettività mobile è sempre più necessaria per l’utilizzo della gran parte dei dispositivi oggi usati per lavorare o divertirsi, sia in ambito professionale sia consumer.

Una sfida sempre più grande per le tecnologie wireless, la cui nuova generazione, che comprende il Wi-Fi 6, promette di migliorare il supporto delle applicazioni che richiedono alta velocità e bassa latenza, anche laddove non sono disponibili connessioni alternative in rame o in fibra.

Il nuovo Wi-Fi 6, noto anche come 802.11ax, sfrutta fondamentalmente le stesse innovazioni tecnologiche che sono state sviluppate a supporto delle reti carrier 5G; oltre a essere più veloce (la velocità del trasferimento dati può toccare i 9,6 Gbps, circa 3 volte superiore a quella massima raggiunta con standard precedenti) il Wi-Fi 6 promette maggiore efficacia negli ambienti ad alta densità di connessioni, come in locali pubblici, sale conferenze e stadi sportivi.

La latenza più ridotta (contenuta in 2-6 millisecondi) permette il supporto di applicazioni che richiedono aggiornamenti molto rapidi o in real-time. Altre prerogative del nuovo standard sono di offrire una connettività più prevedibile e di ridurre il consumo delle batterie dei device connessi.

Tra i punti critici delle connessioni mobili c’è, da sempre, la security dei dati. Con il Wi-Fi 6 smetteranno d’essere prodotti access point o altri accessori dotati di password amministrative di default, facilmente ricavabili da manuali o in rete.

Sono inoltre integrati i supporti per la crittografia, per le Vpn, per i sistemi di prevenzione delle intrusioni (Ips) e per la gestione unificata delle minacce, dove quest’ultima capacità permette d’integrare e centralizzare il controllo di sicurezza degli apparati di fornitori diversi.

Per lo sviluppo delle applicazioni mobili appare inoltre significativa l’iniziativa OpenRoaming che promette di facilitare il passaggio tra reti Wi-Fi e mobili, consentendo agli utenti di connettersi in modo automatico e sicuro non appena il device entra nel raggio d’azione di una rete Wi-Fi o mobile, senza dover più ricercare le identità Ssdi, immettere user-name e password.

In tempi di pandemia sono tornate d’attualità le tecnologie di localizzazione Wi-Fi. Sono state impiegate per facilitare il ritorno al lavoro in sicurezza, attraverso il controllo sull’occupazione degli uffici e del distanziamento tra le persone.

BinHexS ha tra le proprie specializzazioni la creazione e la gestione delle reti oltre a un team specializzato per gestire configurazione, manutenzione, monitoraggio dei dispositivi, delle prestazioni e il controllo della sicurezza.

No Comments

Post A Comment